Sport e trapianti

meno farmaci, più sicurezza in se stessi - lo sport è un farmaco efficace


un’indagine qualitativa per promuovere l’attività fisica tra i trapiantati


Si sa da tempo che lo sport può avere un valore terapeutico. Nel caso di persone che hanno subito un trapianto l’attività sportiva non solo è possibile, ma è consigliata per i suoi benefici fisiologici e psicologici. Dal 2008 il progetto “Trapianto… e adesso sport” ha l’obiettivo di promuovere l’attività fisica nei trapiantati e la ricerca scientifica su questo tema.

formicablu collabora dal 2015 con il Centro Nazionale Trapianti, uno dei partner del progetto. Raccontando la storia di un trapiantato di cuore e della sua passione per il ciclismo abbiamo realizzato la webserie Di nuovo in pista, descritta tra i prodotti di questo sito. Nel 2016 abbiamo condotto un’indagine qualitativa su “Percezione, vissuto e attitudini dei pazienti trapiantati e dei loro medici”. Intervistando un campione di medici e di pazienti provenienti da tutta Italia abbiamo individuato i contenuti, le forme e le peculiarità degli attori in gioco da considerare quando si comunica su questo tema. Un’animazione presenta i risultati della ricerca.

“L’attività fisica come terapia nei pazienti trapiantati” su YouTube – Trapianti in Rete